Billions, la serie tv dei grandi nomi: Damien Lewis e Paul Giamatti

Nata da un’idea di David Levien, Brian Koppelman ed Andrew Ross Sorkin, Billions è la serie tv di Sky Atlantic che concentra la propria trama sul tema drammatico finanziario. Forte di cavalli vincenti della cinematografia come Wolf of Wall Street, La grande scommessa e Too big to fail, il format statunitense promette di accattivare il pubblico fin dal suo primo istante.

Viene messa immediatamente molta carne sul fuoco, soprattutto per quanto riguarda i due protagonisti principali, incarnati da uno stoico Damian Lewis e dal tenace Paul Giamatti. Esattamente come i ruoli che ricoprono, Lewis e Giamatti hanno alle proprie spalle una carriera che viaggia spesso su binari opposti.

Il britannico Lewis può contare infatti su un bagaglio di esperienze che comprendono titoli come Robinson Crusoe, Stormbreaker e Romeo and Juliet, senza considerare i lavori sul piccolo schermo, fra cui spiccano le presenze nelle serie Homeland ed il più recente Wolf Hall. Diversa l’interminabile presenza di Giamatti sul grande schermo, complice di varie collaborazioni con grandi nomi della regia come Woody Allen, Steven Spielberg e Tim Robbins. Fortemente limitata invece l’esperienza televisiva che riguarda solo due comparsate.

Il gioco fra le parti

Lewis e Giamatti saranno rispettivamente Bobby ‘Axe’ Axelrod e Chuck Rhoades, i due protagonisti di Billions serie tv. Due personaggi all’opposto le cui vite si incrociano inevitabilmente e che portano i due uomini a scontrarsi in una battaglia fatta da colpi decisi. Axe è un miliardario dedito alla finanza ed alla speculazione al ribasso, un ambito che gli ha permesso nel giro di pochi anni di passare da semplice caddie del golf a potenza finanziaria di New York.

La sua lungimiranza negli investimenti non si basa tuttavia su un gioco pulito, motivo che spinge il Procuratore federale Rhoades a mettersi sulle sue tracce. Come ci si può facilmente aspettare, il duello che chiama entrambi alle armi non è così semplice proprio per la notorietà pubblica di Axe. Per tutti i newyorkesi il miliardario è infatti un simbolo della sopravvivenza all’11 settembre ed un modello a cui si ispirano.billions-panel

Il compito di Rhoades, convinto che per prendere il pesce grosso serva qualcosa di forte, non è quindi facile e dovrà giocare d’astuzia. Da abile manovratore di pedine, Axe gli rende la vita difficile, anche se entrambi sanno quali sono le intenzioni dell’altro. La guerra viene messa allo scoperto fin dal pilot della serie tv, grazie ad un’abile mossa di Rhoades che porta Axe a lanciargli apertamente il guanto di sfida.

Eroe ed antieroe: chi è uno e chi l’altro?

Billion è la serie tv che molti statunitensi acclamano già come evento, soprattutto per il gioco a suon di colpi di scena e della caccia all’uomo. Dopo i primi minuti di visione, lo spettatore avrà la sensazione di non capire in realtà chi dei due fra Rhoades ed Axe stia inseguendo l’altro. Sono uno all’opposto dell’altro, sia dal punto di vista fisico che per i valori che portano avanti nella propria vita. E non senza un’ombra che getta un punto interrogativo sulle loro esistenze.

I primi minuti della premiere ci riportano infatti a Rhoades imbavagliato e legato, intento a “subire” una pratica di bondage, sadomaso e pissing da una donna che rimarrà sconosciuta per una manciata di scene.

Il contrasto con le preferenze recondite del Procuratore ed il podio della giustizia che porta avanti nella vita pubblica è subito evidente. Rhoades è inoltre rotondetto e può contare su una famiglia ricca che gli ha fornito l’istruzione necessaria per muoversi in un mondo difficile. Axe è invece asciutto e snello, dotato di quell’astuzia su campo tipica di chi invece le ossa se l’è formate a suon di ceffoni dalla società.

Nel secondo episodio di Billions si scoprono due particolari importanti del suo passato e presente: da adolescente era un “servitore” dei ricchi ed è vendicativo. Non si dovrà aspettare infatti troppo prima che Axe spodesti una famiglia ricca del suo passato per affermare la supremazia del proprio nome, un gesto dettato più da un senso di rivalsa che dalla volontà di esibire il capitale disponibile.

Una verità nascosta

I primi due episodi di Billions, la serie tv, avranno un ruolo informativo più che di effettivo sviluppo della trama. Il telespettatore conoscerà tutto dei protagonisti, a partire dalle mogli di entrambi, interpretate dalla splendida Maggie Siff (Wendy Rhoades) e dall’attrice rivelazione Malin Akerman (Lara Axelrod), fino ai figli ed ai genitori. Verrà presentato anche lo scenario professionale dentro a cui si muovono i due protagonisti, accomunati da una sete accesa di predominare sull’altro. Rimane un mistero ancora da svelare invece il particolare citato dell’11 settembre.

Si scopre subito infatti che Axe è l’unico dei soci sopravvissuti alla strage, un elemento che porta la trama su toni realistici, ma che porta il pubblico a porsi una domanda. Si sarà trattato di un “fortunato” incidente o di un evento voluto?

Qualunque sia la verità, si può solo sperare che venga svelata nel corso della prima stagione, mentre rimane alta l’attenzione per la corsa al potere di Rhoades ed Axe che giustifica spesso anche il sacrificio di altre persone.

admin