Consigli utili per visitare Gardaland, luogo di svago e di avventura

Come arrivarci?

Da sempre uno dei parchi divertimento più visitato da molti turisti, italiani e non. Situato a Castelnuovo del Garda, vicino Verona, Gardaland è facilmente raggiungibile: in aereo, con destinazione aeroporto Valerio Catullo di Verona Villafranca; in treno, con fermata alla stazione di Peschiera del Garda o in macchina, percorrendo l’ autostrada A4 o A22 e seguendo i numerosi cartelli segnaletici lungo la via.
Aperto da marzo a dicembre, Gardaland è il parco divertimento più grande d’Italia, perfetto sia per grandi e sia per piccini (dai 5 anni in su), una meta turistica infatti, divertente e spassosa per l’ intera famiglia.

Attrazioni di Gardaland

montagne russe GardalandIncastonato nello splendido scenario del Lago di Garda, Gardaland offre circa 40 attrazioni diverse e tematizzate, 4 villaggi a tema, 5 ristoranti e numerosi spettacoli inscenati da artisti professionisti che riescono a regalare emozioni forti e coinvolgenti a tutti gli ospiti del parco durante la giornata. Inoltre, non potevano mancare gli spazi verdi, con giardini ben curati e aiuole colorate, così da dare un senso di pace e relax tra un’ attrazione ed un’altra.

Le attrazioni più adrenaliniche e quelle più tranquille:

  • Shaman, è la novità del 2017, si tratta di montagne russe con realtà virtuale, facendovi entrare, virtualmente, nel misterioso mondo degli spiriti degli Indiani d’America;
  • Oblivion the black hole, montagne russe a caduta in picchiata verticale da un’ altezza vertiginosa;
  • Raptor, montagne russe alate e alte 33 metri;
  • Blue tornado, simile ad un jet supersonico ad alta velocità, impossibile non sentirsi un vero e proprio Top Gun;
  • Space vertigo, si tratta di una torre alta 40 metri, ti siederai su un sedile, salirai fino in cima e poi precipiterai nel vuoto;
  • Ramses, un dark ride interattivo ambientato in un antico tempio dell’ Egitto;
  • Il galeone dei corsari, salirai a bordo di una nave mercantile, vivendo l’atmosfera battagliera dei terribili corsari, tra tesori e terre sconosciute;
  • Mammut, una fantastica montagna russa tra i ghiacciai adatta anche ai bambini, ma attenzione all’ira del mammut risvegliato dopo tanti millenni.

Tra le attrazioni acquatiche bisogna ricordare:

  • Jungle rapids, un avventuroso viaggio nella giungla, da fare su un gommone tra rapide impetuose e antichi templi;
  • Fuga da atlantide, salirai su un’ imbarcazione e ti tufferai nello specchio d’acqua, tutto immerso nell’ambientazione della città perduta di Atlantide;
  • Colorado boat, salirai a bordo di un tronco galleggiante e attraverserai il fiume Colorado, ma fa attenzione alle ripide cascate.

Per quanto riguarda il magico mondo dei bambini invece, Gardaland offre loro magnifiche giostre ed intrattenimenti, partendo dal mondo di Prezzemolo, il trenino Transgardaland express e la Mad house, casa popolata da un mago burlone.

Consigli utili per visitare Gardaland

Innanzitutto, sarebbe bene evitare di recarsi a Gardaland nei giorni o nei ponti festivi, in cui si registra un’ elevata affluenza di visitatori. Le code e l’attesa per partecipare alle varie attrazioni possono essere davvero lunghe ed estenuanti, quindi, meglio scegliere giorni infrasettimanali e non i week end. Inoltre se si desidera risparmiare sui biglietti di ingresso a Gardaland il sito iltuoticket.it mette a disposizione dei biglietti singoli al costo di €29.50 o in combinazione con Gardaland Park e Sea Life Aquarium a soli €33, quindi è possibile acquistarli online in maniera conveniente.
Una volta scelto il giorno ideale, è consigliato recarsi in anticipo, almeno 30 minuti prima dell’ apertura del parco. Non indossate zaini o cose ingombranti, meglio un semplice marsupio e in caso di pioggia un k-way sarebbe ottimo. Importante è consultare prima gli orari degli spettacoli, così da organizzare tutta la giornata al meglio. Munitevi di una mappa del parco per riuscire a trovare tutte le attrazioni che volete provare.
Non dimenticatevi di evitare di mangiare nell’ora di punta, infatti, dalle 12 alle 14, quasi tutti si recano nei punti ristoro del parco, causando file immense e facendovi perdere ore preziose. Quindi, vi consiglio di ritardare il vostro pranzo e di approfittare di quelle attrazioni che proprio durante queste ore sono meno affollate, oppure più semplicemente ed economicamente vi consiglio un bel pranzo a sacco. Infine, per evitare le lunghe code all’uscita del parco, vi consiglio di uscire mezz’ora prima o dopo la chiusura.

Redazione